Scopri l'archetipo del tuo segno

2024 – NETTUNO in PESCI: GUARIGIONE SPIRITUALE

In questi articoli, sono presenti estratti dal VIDEO della conferenza sui Transiti 2024:

“..e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.»

Giacomo Leopardi

Nettuno è il pianeta lontano e difficile da comprendere con la ragione e che più di tutti ci riconnette al Tutto. Il richiamo verso l’ancestrale mondo senza confini a cui ognuno di noi anela quando si innamora, o contempla un sublime paesaggio naturale o perde finalmente consistenza e si lascia andare nel sonno. Nettuno pianeta governatore dei Pesci, si è mosso in questi ultimi anni nel segno dei Pesci dal 2012 e si affaccerà in Ariete nel 2025 (definitivamente nel 2026).

Qui nel mio Video Youtube spiego gli ultimi passaggi di Nettuno in Pesci e Urano in Toro fino al 2025.

YouTube player

Nettuno è un archetipo difficile da cogliere per noi (Scopri qui: Seminario 2024 su Nettuno nell’isola di Stromboli), perché è il più legato al mondo sottile, ciò che nostri cinque sensi non possono percepire ma che esiste oltre il velo: la Trascendenza, la ricerca di completezza e la dissolvenza dell’Ego separato. Paura e desiderio che viviamo ogni volta nella magia dell’innamoramento – step accessibile a tutti ma che ha fini molto più alti a livello spirituale – Insegnarci a uscire dalla griglia del tempo lineare e immetterci in una realtà più vasta dell’Anima in ricerca di un’Unità perduta di cui conserva nostalgia e memoria.

Una delle manifestazioni più frequenti durante il transito di Nettuno è quello di farci letteralmente “perdere la testa”, o per una poderosa illusione o per una meravigliosa espansione, l’obbiettivo di Nettuno sarà comunque quello di farci uscire dalla ragione, dalle griglie strette della personalità e creare quello “smarrimento” necessario che possa farci fare un salto di coscienza.

Solo di notte ci è concesso di uscire dal tempo lineare e sospendere la corsa e abbandonarci al non – tempo dei sogni. Di notte, nei momenti di crisi, esaurimenti, dolori e lutti, il sonno è il primo che ci sfugge come un’agognata pace che si allontana sempre più. Il meraviglioso riposo della mente con i suoi mostri e desideri che sfugge nei momenti di crisi, perché quando la sofferenza è alta temiamo di venire sommersi dall’inconscio e dal mondo emozionale e dunque resistiamo.

Un altro canale amato da Nettuno quando ci attraversa come transito è quello della malattia: nella malattia noi usciamo dall’Ego. Siamo costretti a mollare la presa, ad arrenderci al corpo e al suo messaggio, ad affidarci al processo di guarigione interiore che la malattia mette in scena per noi nel mostrarci concretamente dove il conflitto si rende manifesto nella materia. Dove non abbiamo prima prestato attenzione ai segnali dell’Anima che chiedeva aiuto.

S.Francesco ha la sua conversione dopo una malattia; la sua personalità aveva così tanto assottigliato i confini, che non esisteva più separazione tra se stesso e un uccellino che cantava, tra il suo ego e la sofferenza degli altri esseri umani. Questo è il significato più profondamente spirituale di Nettuno: l’assenza di separazione e il tentativo di farci percepire (anche se a tratti), l’amore incondizionato in cui siamo immersi.

Il protagonista del film “Il filo nascosto” solo nella malattia si autorizza ad amare. La sua Identità/personalità è carica di responsabilità nel mondo ordinario, nel suo quotidiano affollato e prestante, nella malattia si concede il tempo straordinario del sentimento. Il talento che il suo Ego manifesta è grande, ed è solo quando il suo corpo “cede”, che lui può letteralmente uscire dalle griglie strette di una personalità super competente, talentuosa e creativa, ma anche carica di responsabilità, razionalità e di controllo. Nella malattia può non sentirsi in colpa di non dover dare al mondo una prestazione. Può finalmente abbandonarsi al riposo e alla resa incondizionata di qualcosa di più grande di lui. Può farsi amare nella sua completa vulnerabilità arresa.

Finalmente non è più “nulla”, l’abito della personalità lascia il passo e lui può contattare cuore, vulnerabilità, paura, ma anche vita.

Ricordate tutti com’era quando da bambini sognavamo prima di un compito in classe di ammalarci? E quando accadeva era meraviglioso starsene a casa tutta la mattina sapendo che gli altri erano in classe. Non era un fantastico rifugio in cui scappare totalmente da una realtà che sembrava chiederci troppo? La malattia placa l’Io dalla colpa di non esserci e ci autorizza a prenderci cura di noi.

Un altro significato di Nettuno è la fuga dalla realtà e la ricerca di “sostanze” che plachino, ma è solo la sua ottava inferiore che ci chiede di connetterci alla ricerca di appartenenza più vasta: fratellanza universale, spiritualità, arte.

L’Arte e la Compassione sono i due pilastri su cui si muove la nostra infinita ricerca di connessione. La compassione è l’unica forza universale che muove l’ottava più alta dell’Amore e che ognuno di noi può sperimentare a livello personale con le persone che ama quando va oltre ogni egoismo personale.

Dal film “Il filo nascosto” di Paul Thomas Anderson

I transiti di Nettuno non vengono avvertiti in maniera cosciente e sono molto lenti in aspetto ai pianeti personali che governano la nostra personalità (Sole, Luna, Mercurio, Venere e Marte), ed è lì che più lavorano con i cambiamenti profondi della nostra Identità. Sono transiti lenti delle durata di almeno un paio d’anni (come Plutone) e che si muovono sui cambiamenti interiori nelle zone più nascoste e profonde del nostro essere. La razionalità dovrà lasciare spazio al sentire e al mondo emozionale, le priorità spesso cambiano in modo sottile, gli aspetti che non sono più fondamentali per noi sfumano in una sottile nebbia.

Qui sul mio Canale Youtube quali segni toccherà Nettuno in Pesci nel 2024?

YouTube player


Per quanto riguarda gli effetti di Nettuno in Pesci sul piano individuale dovrete vedere i gradi esatti di passaggio sul nostro Sole (segno solare) e se uno conosce il proprio Tema Natale, i pianeti e i punti importanti come Ascendente/Discendente/Fondo Cielo e Medio Cielo. 

“Ci ha dato il cielo
e le chiare stelle
fratello Sole e sorella Luna

La madre terra
con frutti, prati e fiori,
il fuoco, il vento,
l’aria e l’acqua pura
fonte di vita per le sue creature…
dono di Lui – del Suo immenso amore
dono di Lui – del Suo immenso amore!” (Cantico delle Creature)

Anna Elisa


Podcast di Sentiero Astrologico

SEGUICI SU SPOTIFY CLICCA QUI!

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *