Scopri l'archetipo del tuo segno →

Diario Astrologico 12 novembre 2014

Persa stanotte nelle mie stelle…… ho sentito davvero forte la CONGIUNZIONE MARTE PLUTONE IN CAPRICORNO (intorno agli 11-12° del segno) che si sono congiunti in maniera esplosiva alla mia LUNA in Capricorno (che ha già l congiunzione di Plutone da un anno e più) e si è opposto al mio SATURNO in Cancro in 8casa. So che sto parlando un linguaggio strano e per addetti ai lavori, ma tutto questo è per dirvi che MARTE è sempre dirompente e unito all’amico Plutone lo è ancora di più. Non bada al significato di parole come pazienza e calma, ma come fiume in piena ci aiuta a far affiorare ciò che da tempo remoto è DA AGIRE – DIRE – FARE.
In contatto con la forza tellurica e sotterranea di Plutone ha potuto smuovere e portare nel concreto ciò che era rimasto sotterraneo per lungo tempo. Sotterraneo anche alla nostra coscienza. Se poi uniamo che da ieri c’era anche l’emotiva Luna in Cancro a smuovere emozioni e bisogni spesso appartenenti all’infanzia e al nostro lato più primitivo rimasto dentro di noi, al bambino interiore che chiede conferme a ha bisogno di fusione amore e comprensione, il botto è presto fatto. Marte ha davvero mosso inquietudini profondissime.

Tutti i CANCRO prima decade inizio seconda, (o pianeti e case in Cancro) avranno risentito di questo richiamo profondo all’uscire allo scoperto dal guscio e manifestare disagio o volontà, desiderio o iniziativa, prima rimandata o taciuta per quieto vivere. Marte nostro dio guerriero non desidera il nostro quieto vivere ma ci trascina, condottiero e paladino iniziatore, verso la nostra più autentica volontà creativa dell’esistere.
Anche gli ARIETE saranno stati scossi nel loro lato più impulsivo, Marte loro amico e archetipico conosciuto, in questa posizione può averli fatti sentire un po’ frustrati nella fretta di andare, come se per loro ci fosse un necessario effetto “rallenty” per permettergli di imparare la preziosa arte della pazienza e perseveranza, dote che spesso faticano e mettere in pratica. Le BILANCIA forse sentiranno la necessità di mediare meno e arrivare dritti al punto, trovare meno circonvallazioni e sapere chiara la scelta che devono compiere ora.
I segni di terra CAPRICORNO TORO E VERGINE potranno felicemente portare a frutto il loro lavoro costante nella realtà materica se si affiancheranno con metodo e costanza ai loro obbiettivi più concreti.
Tutto questo chiaramente è a livello molto generale ma per andare nello specifico bisognerebbe vedere nella propria carta natale dove questi aspetti vanno a risunare e dove no.

Io senz’altro stanotte ho potuto sentire tutta la forza di questo vulcano in eruzione e ancora lo sentirò con anche Saturno e Venere in SCORPIONE (e a seguire Mercurio anch’esso rientrato con moto diretto in Scorpione ) che in questi giorni si trovano anch’essi in congiunzione, per portare alla luce in modo decisivo tutti i cambiamenti concreti che sia a livello relazionale sia nella nostra affettività famigliare e di legami, vogliamo “rispolverare” e “limare” affinché non ci siano più scorie interiori a logorarci.

Tempo quindi di grandi emozioni sensibilità e forse anche paura di non riuscire a suppprtare tutto questo carico energetico, per me è così e già da molto tempo, ma io credo che porterà a tanta apertura ed energia vitale. Vitale da vita da attraversare con tutta la piena responsabilità e bellezza del nostro agirla in prima persona. Lo spero. E lo spero col cuore per tutti voi.

In tutto questo fermento non dobbiamo dimenticare che Urano sta proseguendo il suo cammino all’indietro nel suo moto retrogrado nel segno DELL’ARIETE, creando dunque a brevissimo tempo nei prossimi giorni, una posizione di attrito (in quadratura) con Plutone e Marte in Capricorno (asse della croce cardinale – ariete, bilancia, capricorno, cancro – già presa di mira l’anno scorso con questo aspetto).
Questo accentuerá il desiderio di cambiamento e svolta nelle nostre vite, ma i tempi non sono ancora pienamente maturi perché ai verifichi come noi lo desideriamo. Abbiamo una lotta interiore tra ciò che sentiamo obsoleto per noi, e il nuovo che immaginiamo e desideriamo, ma non vi è ancora la piena padronanza e fertilità del terreno per produrre il cambiamento tanto desiderato. Sta arrivando, tutto ha in suo tempo evolutivo, stiamo in ascolto con fiducia. È una temporanea attesa per affinare il desiderio e centrare la nostra mira.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.