Scopri l'archetipo del tuo segno

MARTE ENTRA IN PESCI, LA RIVOLUZIONE GENTILE

 
Diario Astrologico, primavera 2024.
 
 
Se c’è un tempo che è quello dell’apparente silenzio, è quello di Marte nel segno dei Pesci ♓️. Dal 23 marzo 2024 entrato nel segno fino al 30 aprile 2024. Sarà congiunto al maestro Saturno in Pesci dal 9 al 13 aprile a 14° e i giorni successivi in sestile a Giove e Urano nella loro congiunzione in Toro ♉️ a 21°. Tutti segni femminili insieme che paiono fermi ma non lo sono, preparano ciò che non si ode, e nascondono ciò è sotto i fondali del mare. I maremoti non si vedono subito a riva, ma si preparano molto tempo prima da sotto.
 
Dalle profondità.
 
Ed ora è di questa profondità che si narra.
 
Di questa poca chiarezza (ombra Pescina) e di questa urgenza di verità (Urano che soffia forte sulla cara vecchia Europa che non apre gli occhi). Di questa sospensione mista a paura, ma anche assuefazione che non deve trasformarsi in rassegnazione.
I passaggi di Marte a livello individuale sono molto importanti per gli sblocchi di situazioni o vengono ricordati per gli improvvisi eccessi di collera, quando passano in punti nevralgici del nostro Tema Natale. Ogni due anni circa, Marte ripassa in una Casa del nostro tema, portando emersioni di eventuali contenuti o semplicemente, ridefinizioni più nette di questioni sospese dove è richiesta la nostra assertività.
Marte nel segno acquatico dei Pesci ♓️ non gode di una posizione del tutto favorevole per quanto riguarda la facilità dell’espressione diretta e istintiva. In genere è un Marte che fluttua a lungo nel soprappensiero, nell’apparente lentezza dell’istinto, prima di agire. Spesso un’azione “lacrimosa”; un senso accentuato della passività che in certi momenti spazia in vittimismo, ma errato sarebbe dire che è un Marte debole. Anzi. L’EMOZIONE è LA SUA FORZA ed è lì che risiede il suo segreto.
 
In questo tempo ci è richiesto di essere forti nel nostro sentire e proprio a tal fine agire in linea con ciò che le emozioni ci stanno dicendo. Sofferenza? Insofferenza? Spinta?
 
Potremo invece approfittare di questo passaggio planetario per immergerci nel mondo emotivo e sognante di questo enigmatico segno d’acqua. Il guerriero e focoso Marte che taglia, separa, mette confini, ci difende e spesso attacca, sarà costretto a immergersi nelle acque compassionevoli e ovattate dell’ultimo segno dello zodiaco, creando un connubio tra AZIONE e SENTIMENTO, slancio istintivo e CONTENIMENTO e ATTESA, una specie di rivoluzione gentile.
 
Sarà per tutti noi occasione per poter sperimentare il SENTIRE (PESCI) in collegamento con L’AGIRE (MARTE). Il segno d’acqua dei Pesci è un segno femminile e ha bisogno di fluire nel giusto tempo d’ascolto; aspettando il giusto tempo e SENTENDO quando per noi è giunto, l’attimo diverso, unico e non comprensibile con la sola ragione, ma con l’aiuto di un altro organo, che tutto mette insieme nel grande universo con l’amore, il cuore.
 
Attenzione in questo periodo al modularvi tra il TRATTENERE e il RILASCIARE, accorgetevi quando il confine del trattenere è eccessivo e diventa così estremo da tramutarsi in sacrificio e in ri – sentimento – rabbia. A livello collettivo questo periodo è come una brocca piena d’acqua che sta già traboccando da un pezzo, ma rimane ancora intera per miracolo.
 
In questi anni ho scritto tanto sulla “politica del mondo”, venendo anche più volte scottata (oltre che bloccata), ma in questo momento sto assecondando la mia parte di osservazione del mondo senza entrare dentro “la guerra” e la polemica del mondo.
Ci sono sempre.
In ascolto.
 
intanto Buona attraversata a noi nel Corridoio delle Eclissi e nella Rinascita di Pasqua.
Cerchiamo bellezza in questa lunga notte che la storia racconterà il passaggio degli uomini .. (alcuni).. dalla fanciullezza alla piena consapevolezza e libertà di autodeterminarsi.
 

Anna Elisa Albanese

 

Segui la Pagina Facebook Sentiero Astrologico : Clicca qui!  logo-facebook--blog-alhi-18

 

Anteprima Estate 2024: Vacanza Astrologica a STROMBOLI! CLicca qui!

 

 

Immagine 1: quadro di jean calogero “Antologica”

Immagine 2: Isola di Stromboli, foto @AnnaElisa 

Immagine 23: di John William Waterhouse “Bora”, 1903

 

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *