RABBIA e LACRIME CHE PURIFICANO

IL SENTIERO DI ANNAFEBBRAIO 2022

Mi arrabbio raramente. Non è nella mia natura, il mio Marte in Pesci oltretutto quadrato al suo governatore Nettuno, non ha mai imparato a esprimersi troppo nell’aggressività manifesta ed esplosiva. Eppure questi giorni in cui il clima globale si colora ti tinte guerresche incandescenti, e Marte Venere e Plutone sono esattamente congiunti in Capricorno, riattivando di transito i gradi esatti del mio Mercurio, l’esplosione dei miei moti interiori è stata agita – mio malgrado – come un vulcano in eruzione con punte vagamente distruttive. Non pensavo che la mia gola potesse tirare fuori così tanta voce, e quanto poi è stato assolutamente frustrante vedere che quei suoni emessi dalle mie povere corde vocali, non sono bastati assolutamente a esprimere tutto ciò che sentivo dentro. 

Ho capito perché non mi arrabbio mai .. perché per me è impossibile a parole far capire cosa sento – forse solo la scrittura mi ha sempre salvato. La scrittura che interviene a mente fredda in sentito. Le poche volte che la rabbia mi ha pervaso fino a doverle cedere, finita la bufera sono completamente stremata, arresa a qualcosa che non sono riuscita a domare. e piango per ore senza alcuna forza, svuotata come un palloncino. 

Esprimere me stessa corrisponde a una ferita così ancestrale che quando accade, non ho ancora imparato a farlo bene. Sarà accaduto tre/quattro volte nella mia esistenza non di più, che la rabbia prendesse il sopravvento sulla mia lucidità, e sempre e solo rivolta ad antichi retaggi del mio passato karmico: la famiglia. Mai con le persone del mio presente.
Ho Marte in IV Casa d’altronde, grande parte del materiale incandescente dovuto trattenere, arriva da ciò che ho vissuto e “subito” nella mia storia famigliare e dal passato. 
Così una volta – un’unica volta che ricordo come indelebile quando Urano mi transitò esatto sul Fondo Cielo in casa IV – ho urlato per la prima volta come una matta a mio padre e a sua moglie acquisita. La prima e ultima in tutta la mia vita, tanto che mio padre si spaventò, ma fu anche intimamente colpito da tale passione che non aveva mai visto nella sua vita – da una come me, che ha sempre definito “gelida e impenetrabile come un’inglese”. Poi come sempre dopo queste esternazioni feci pianti di rilascio per ore e ore.

E poi .. le altre poche volte .. contate sulla punta delle dita .. di cui l’ultima stanotte a mia madre . Valanghe e valanghe di rabbia che credo ogni volta rielaborata dopo secoli di lavori personali, ma si vede di no . Ne ora nè mai certe cose muteranno in certi antichi modelli – sono qui proprio per imparare ad attraversarli e perdonarli – ma saranno fasi che potranno essere attraversate e lasciate scorrere proprio lasciandomi penetrare dal pianto che mi accompagna ogni volta successivo a scaricare e depurare le energie bloccate. Come se quel tappo che salta della rabbia manifesta, sia solo la parte iniziale della manifestazione, che poi nell’acqua delle lacrime purifica e lavora invece sul piano sottile.

Molte donne piangono dopo aver fatto l’amore e alcuni uomini si spaventano, temono che sia a causa di chissà quale trauma o abuso d’infanzia. Niente di tutto questo (o almeno non necessariamente); se una donna si scioglie in lacrime dopo aver fatto l’amore è segno che si è lasciata andare del tutto e ha portato al massino la sua tensione erotica – sempre di Marte si parla con aggressività/sessualità – e poi può permettere quel rilascio liberatorio in cui tutto si stempera come neve al sole. I confini personali non esistono più. La vera intimità è la propria capacità di sentire completamente il cuore e arrendersi ad esso. Solo così sapremo poi mostrarlo puro e indifeso a qualcun altro. Quanta paura ci fa sentirci totalmente disarmati?

Penso che questo Plutone congiunto a Marte (la scorsa congiunzione è stata esattamente a marzo 2020!) – sia il banco di prova per molti di noi. Tutte le emozioni trattenute, le intenzioni nascoste e latenti, le verità, hanno bisogno di uscire allo scoperto. Anche nel piano collettivo questo aspetto sta portando alla luce tensioni che sono nascoste ma presenti da anni (vedi Russia/Ucraina/America). Sono stati due anni intensi che hanno cambiato tutti noi, ognuno in maniera diversa, e ora siamo pronti a difendere (Marte), ciò che desideriamo e a cui diamo valore (Venere), senza temere la conseguenza e andando oltre l’ombra della paura che ci ha tenuto sotto scacco (Plutone). Ognuno sa qual è il prezzo per la sua autenticità e la verità che porta dentro al petto. L’integrità adesso è una necessità primaria. Non temiamo di cambiare punto di vista. 

Anna Elisa 

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.